Kettlebell vs Manubri… differenze e qualità del lavoro

L’ultimo anno ha spinto tutti noi a comperare dei piccoli attrezzi per fare attività fisica in casa. Gli attrezzi più venduti in assoluto, tanto che spesso adesso risultano essere introvabili, sono stati i manubri e le kettlebell. Questo articolo ha come scopo d’informarvi su di alcune principali differenze tra questi 2 attrezzi che oramai hanno riempito le nostre case.

Vorrei iniziare con una piccola premessa: entrambi sono molto validi, uno non è migliore o peggiore dell’altro, hanno caratteristiche diverse e proprio per questo danno risultati e sensazioni completamente diverse.

Altra piccola premessa, ma non meno importante da fare è dedicata al “come si utilizzano”. Ricordatevi sempre che la differenza la fa sempre come utilizzate l’attrezzo: tempi di esecuzione, sequenza degli esercizi, qualità e velocità dell’esercizio influiscono notevolmente sui risultati.

Fatte queste piccole premesse, passiamo ad elencare le più grandi differenze:

1. I kettlebell sono pesi “decentrati”…

Il fatto che il peso sia sbilanciato rispetto al manubrio, permette una attivazione maggiore di tutte le catene muscolari (lavoro integrato) e fa sì che non ci siano “momenti morti” durante l’esecuzione degli esercizi. L’impugnatura di un kettlebell pesa molto meno della “palla”  che si trova all’estremità , cosa che non si trova nei manubri, il peso e bilanciato da un capo all’altro.

Permette di eseguire una varietà di esercizi molto diversi tra di loro: balistici (clean, snatch, swing) di coordinazione e di forza, ha diverse posizioni di presa, rendendo i risultati molto più “funzionali” rispetto al lavoro fatto con il manubrio. Se riflettete un attimo, difficilmente durante le azioni della vita quotidiana vi trovate ad eseguire movimenti settoriali e isolati… Quante volte la scatola che dovete sollevare è bilanciata?… direi quasi mai. Pertanto definirei gli allenamenti con il kettlebell efficienti ed efficaci per meglio affrontare la vita di tutti i giorni.

 

2. Il peso dei manubri e più incrementabile delle kettlebell…

il peso dei manubri è più facilmente aumentabile, in genere di un chilo o due, li trovate da 1,2,3,4, e via così fino ad arrivare a carichi sostenuti come 20/22/24 ecc… mentre le kettlebell le trovate con incrementi da 4 o 8 chili. Il motivo per il quale esiste questa disparità, anche se le aziende stanno producendo kettlebell di peso diverso dalle “pezzature” originali nasce dalla loro storia.  I kettlebell sono nati in Russia con un’unità di massa chiamata “pood” (16,38 chilogrammi). Mentre il pood è stato abolito come unità di misura nella maggior parte delle circostanze, è rimasto ancora oggi valido per lo sport girevoy (sport con kettlebell). Gli incrementi di 4-8 kg sono relativi a questo sistema di misurazione originale: 8/12/16/20/24/28/32.

Ma a parte questa particolarità, vi assicuro che durante il loro utilizzo l’aumento di peso con queste caratteristiche è assolutamente fattibile, anche perché dovete pensare a quel determinato carico distribuito su tutto il corpo e non su di una singola articolazione o gruppo muscolare.

 

3. I kettlebell offrono svariati modi di presa…

La presa del manubrio è tale da permetterla in solo un unico modo, mentre i kettlebell offrono la possibilità di svariati modi di “presa”, questo grazie alla sua grande impugnatura curva e alla sua forma. Questa sua particolarità ti permette di eseguire lo stesso esercizio con prese sempre diverse che impegneranno i muscoli in modi sempre diversi, dandoti sensazioni e risultati diversi, cosa impossibile da ottenere con il manubrio. Per elencare solo alcune delle prese con il kettlebell: bottom up o pistol grip, rack position, Side Handle  e molte altre …..

 

4. Forma e versatilità durante l’esercizio…

La forma sferica del kettlebell offre una miriade di esercizi supportati dalla sua forma, oltre agli esercizi balistici sopra citati, il kettlebell si presta bene come supporto, nel caso ad esempio dei push up, e in tutti gli esercizi di forza come curl o squat.

Il poco grip del suo manico, di proposito liscio e “scivoloso” , al contrario dei manubri, permette un continuo cambio presa durante tutti gli esercizi balistici come swing, snatch, clean e altri, dove la mano deve cambiare costantemente posizione nel manico. I manubri invece hanno una superficie “grinzata” per evitare lo scivolamento e migliorare la presa, questo per meglio eseguire movimenti  di isolamento come ad esempio i curl, alzate frontali e altri.

 

5. In conclusione …

In conclusione, sicuramente il kettlebell è un attrezzo che non dovrebbe mancare in casa tua, possedere un kettlebell ti permette di avere una “palestra” sempre con te a portata di mano, per me è diventato un compagno di viaggio e di vita, dico sempre che quando lo scopri ti innamori e non puoi più fare a meno di non usarlo. La qualità del lavoro è eccezionale, i risultati ottimi, la sensazione che ti regala un workout con le kettlebell è difficile averla con altri attrezzi.

Partirà il primo di marzo la challenge dedicata alle Kettlebell “The Hundred: definition workout” con tutorial dedicati per apprendere l’utilizzo delle kettlebell, e workout da 15/20 minuti che ti faranno capire bene la differenza del lavoro che sviluppa questa “palla con il manico”.

Se hai bisogno di informazioni e desideri scoprire un nuovo modo di allenare il tuo corpo e ottenere nuovi risultati, non esitare a contattarmi…. marzo e alle porte !

 

buon allenamento

Calle

 

By |2021-02-14T20:21:26+01:00Febbraio 14th, 2021|Fitness & Wellness, Out Line, Training|